mercoledì 29 settembre 2010

Tanti auguri al mio contesto! (in ritardo, com'é d'uopo)

E da ieri sono 23 anni. Sostanzialmente buttati via.

Il giorno del mio compleanno, da diversi anni a questa parte, si ripete sempre uguale, seguendo il medesimo copione. Nel complesso, è un compleanno noto perlopiù in quanto è quello che cade fra il giorno del compleanno di Totti (il 27) e il giorno del compleanno del nostro amato premier (il 29: non merita fiducia, ma in democrazia gli auguri sono doverosi). Nel complesso, gli auguri ricevuti si possono strutturare in due categorie: a)quelli dei parenti; b)quelli dei non parenti/amici.
La prima categoria prevede gli auguri di: padre, madre, uno zio e una zia (insieme), i rispettivi figli (due cugini), a volte un nonno. Memorabile, però, rimane l'annata 2008, in cui si ricordarono della nefasta giornata - e per puro caso! - solo mio padre e mia madre (e il giorno dopo tutti a profondarsi in scuse).

La seconda categoria è ripartibile, a sua volta, in due sottocategorie: b1)gli amici "veri"; b2)gli amici "virtuali".
Di Amici (con la A maiuscola) non ne ho da tempo immemorabile, ma generalmente uno degli amici "veri" - in carne ed ossa - si fa vivo. Statisticamente la grana viene sbrigata a rotazione: un anno mi fa gli auguri un amico, l'anno dopo non me li fa, però me li fa un'altra amica, l'anno seguente nemmeno lei me li fa più, ma si fa sentire un'altra ancora... e così via.
Gli amici "virtuali" seguono, vagamente, il medesimo schema. Io sono un utente di due forum da ormai quattro anni, e c'é una certa complicità con alcuni di quei "compagni di web". Però, il giorno del mio compleanno, mi fanno gli auguri solo gli utenti di uno dei due siti: quelli dell'altro, o non me li fanno, o se ne accorgono solo a compleanno finito. E non è sempre lo stesso forum a farmeli o non farmeli, si scambiano il ruolo. Dipende dalle circostanze, come ogni altro evento che accade su questo pianeta.

Come sono questi auguri? Quelli dei parenti prevedono l'utilizzo della parola "auguri", seguita dai normali 'botta e risposta' che si fanno durante le altre 364 giornate dell'anno solare. Quelli degli amici fanno gioco sulla gioventù (che ha a che fare con me solo dal punto di vista anagrafico), sulla splendida carriera che mi attende (che non mi attendo io), su quella effettiva e attuale (che non ho), sul divertimento insito nella giornata di festa (che non festeggio), sulla grande abbuffata a cui non posso sottrarmi (e questo è l'unico punto a cui effettivamente non mi sottraggo).

Per il resto, quali sono le peculiarità del giorno del mio compleanno? Beh, è l'anniversario del primo Boston Tea Party, dell'invasione dell'Inghilterra da parte di Guglielmo il Conquistatore, del Messico indipendente, di Toronto capitale, della bandiera Thailandese, dell'Indonesia nell'ONU, della quinta repubblica francese, della morte di Giovanni Paolo I, e, da ieri, della morte di Foppa Pedretti e della frana in Messico (un Paese a cui tengo molto, in quanto epicentro di ogni tragedia).
E' il giorno in cui compie gli anni Hilary Duff , e tengo molto a questo, in quanto, confrontando la vita di Hilary con la mia, mi rendo conto di come la mia sia inconfrontabile.

Ma è anche il giorno del compleanno (virtuale) di Achille Campanile, e ad un'amante dell'umorismo come il sottoscritto non può che far piacere.
Ma è anche il giorno del compleanno di Confucio, e ad un'amante delle massime filosofiche come il sottoscritto non può che far piacere.
Ma è anche il giorno del compleanno di Luana Borgia e di Dita Von Deese, e ad un'amante delle donne nude come il sottoscritto non può che far piacere.
Ma è anche il compleanno di Paolo Attivissimo, e ad un'amante della controinformazione come il sottoscritto non può che far piacere.
Ma è anche il compleanno di Mika Hakkinen, e ad un'amante di Mika Hakkinen - quando correva - come il sottoscritto - di alcuni anni fa - non può che far piacere.
Ma è anche il compleanno (virtuale) di Marcello Mastroianni, e ad un'amante degli attori eclettici come il sottoscritto non può che far piacere.
Ma è anche il compleanno (virtuale) di Alessandro Tassoni, e ad un'amante della scrittura e dell'epica eroicomica (nonché della cedrata Tassoni) come il sottoscritto non può che far piacere.

Ma è anche il giorno della morte di Bernardino da Feltre, ed un cultore del libero pensiero come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.
Ma è anche il giorno della morte di Hermann Melville, ed un cultore della natura e della selezione naturale come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.
Ma è anche il giorno della morte di Louis Pasteur, ed un cultore di birra e vini come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.
Ma è anche il giorno della morte di Giovanni Segantini, ed un aspirante apolide, nonché pittore di cose banali, come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.
Ma è anche il giorno della morte di William Dickson, ed un cultore dei primi film, nonché non troppo solidale con Edison, come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.
Ma è anche il giorno della morte di Edwin Hubble e di William Boeing, ed un'amante dello spazio e dell'infinito come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.
Ma è anche il giorno della morte di Harpo Marx e di André Breton, ed un surrealista come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.
Ma è anche il giorno della morte di Gamal Abd el-Nasser e di Pierre Trudeau, ed un rinnovatore della politica, ma che si comporta come i vecchi barbogi, come il sottoscritto non può che leggerci un virtuale passaggio di consegne.

Senza contare che nel settembre 1987 era in edicola il n.66, e di lì in uscita il n.67, di Martin Mystère, dedicato al mito di Agarthi, la città sotterranea abitata da saggi, che rappresenta il mio "mito preferito" fra quelli canonici (e che ispira parte del mio attuale stile di vita).

Coincidenze, o l'animo di ciascuno di noi è impresso al momento della nascita dal "contesto"?

5 commenti:

Alessandro Oresti ha detto...

io credo che siano coincidenze solo se noi le consideriamo tali...

probabilmente fa parte delle personalità maggiormente dedite al pensiero avere tante cose da notare e raccontare sul giorno del proprio compleanno!...

e poi anch'io, a mio modo, sono un po' legato ad agarthi, dato che sono nato lo stesso giorno del BVZA (e del BVZM)...

dopo quello che hai scritto, cmq, avrei un bel po' di cose da fare, per rispettare i tempi di tutti questi passaggi di consegna!

Colei che... ha detto...

Beh, in ritardo e da amica virtuale... auguri! :)

MaxBrody ha detto...

@Alessandro: beh, io non le reputo coincidenze... però l'"imprinting contestuale" (ma come parlo??) è senza dubbio una ipotesi affascinante :)

@Colei: grazie (in ritardo)! :)

Serlon ha detto...

Ecco, io lo sapevo che il 28 settembre era il compleanno di qualcuno, solo che non ricordavo di chi.
Auguri alle mie tartarughe, Thelma e Luoise, che compiono 1 anno.
Grazie Max per avermelo ricordato...

MaxBrody ha detto...

Di nulla, caro Serlon! Per le tue tartarughine, questo e altro!

A proposito, ma si può sapere indove sei finito? Sul NNF ti cercano tutti, dicono che nemmeno Place ti vede più!
Che stai, a Tortuga? (hah! hah!)